[LINGUA ITALIANA] L’italiano, ecco dove si parla – Lingua italiana – Noi Italiani Forum

Shopping cart

close

Nessun prodotto nel carrello.

notification icon
itNoi applicazione
Tutto il meglio di Noi italiani.it sul tuo telefono
Installa

Forum

[LINGUA ITALIANA] L...
 
Condividi:
Notifiche
Cancella tutti

[LINGUA ITALIANA] L’italiano, ecco dove si parla


Raffaella Natale
(@raffaellanatale)
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 92
Topic starter  

https://noi.italiani.it/litaliano-ecco-dove-si-parla/

E’ partito il conto alla rovescia. Molto presto saranno comunicati i nomi dei vincitori delle Borse di studio di lingua italiana offerte dalla Fondazione italiani.it. La community itNoi.it è stata travolta dalle iscrizioni. Sono veramente tanti i residenti in America Latina (unica condizione imposta per la selezione) che hanno espresso il desiderio di imparare la lingua italiana. Molti hanno parenti italiani. Spesso si tratta dei loro nonni. Ricordiamo i grandi flussi migratori partiti dall’Italia per il mondo. Altri sono, invece, animati esclusivamente dal genuino desiderio di conoscere la nostra lingua.

L'italiano
La lingua italiana è molto diffusa nel mondo

L’italiano è molto diffuso. Diversi Paesi lo conoscono anche per via delle trasmissioni televisive in lingua. Pensiamo all’Albania o a Malta dove molti programmi tv sono in italiano.

E’ la lingua ufficiale dell’Italia ma anche della Città del Vaticano (il latino è quella della Santa Sede) e di San Marino; in Svizzera insieme al tedesco, francese e romancio. Lo è pure in Slovenia e nella regione istriana della Croazia accanto a slavo e croato. E’, inoltre, la lingua ufficiale dell’Ordine di Malta nonché una delle quattro lingue ufficiali della Confederazione elvetica.

L’italiano è una delle 24 lingue ufficiali dell’Unione europea. Questo significa che ci si può mettere in contatto con la Ue, utilizzando la nostra lingua. I comunicati stampa dell’Unione e documenti correlati vengono, infatti, pubblicati anche in italiano.

Ci sono poi alcuni Paesi dove l’italiano è stato in passato lingua ufficiale e continua a essere diffuso tuttora tra la popolazione, pur avendo perso questo status. Malta, per esempio, oppure in Corsica o a Nizza. E così a Fiume, nel Dodecaneso e in Dalmazia. In Africa è stato lingua ufficiale in Somalia, Libia, Etiopia ed Eritrea.

Tante buone ragione per continuare ad amare questa lingua, figlia del sommo poeta Dante Alighieri.


   
Citazione
Raffaella Natale
(@raffaellanatale)
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 92
Topic starter  

https://noi.italiani.it/litaliano-ecco-perche-in-tanti-amano-la-nostra-lingua/

L’italiano è una lingua amata e, a detta di molti, anche romantica. Per tanti italiani all’estero, rappresenta la lingua dei ricordi e della propria famiglia ed è motivo di vanto. Beh, sì, è sempre la lingua di Dante Alighieri. Noi italiani di questo andiamo molto fieri e lo dimostra anche il grande successo del Dantedì istituito dalla Presidenza del Consiglio per celebrare il sommo poeta. Nella community noi.italiani.it sono presenti tanti membri stranieri che hanno radici in Italia. Molti di loro hanno semplicemente l’Italia nel cuore e amano l’italiano.

L'italiano
Dante Alighieri

La Fondazione italiani.it impegnata, tra le altre cose, anche nella promozione e diffusione della lingua italiana, anche quest’anno ha offerto 10 Borse di studio a residenti in America Latina. Le iscrizioni sono ancora in corso (Per partecipare, qui trovi il form da compilare👉🏼  https://noi.italiani.it/becas-de-estudio-de-idioma-italiano

Il grande successo dell’iniziativa dimostra come ci sia un grande amore per questa lingua. Secondo un sondaggio del Summer Institute of Linguistics (Dallas, Texas), nell’anno accademico 2016-17 l’italiano è diventato la quarta lingua più studiata al mondo, dopo inglese, spagnolo, cinese. Avrebbe, quindi, scalzato il francese.

l'Italiano
L’Italia è patria dell’arte

Risulta madrelingua in 26 Paesi. La ragione è perché molti italiani si trasferiscono all’estero. Ai primi posti come lingua parlata troviamo invece inglese e cinese. Il primo permette di farsi capire ovunque nel monto in modo veloce e smart, l’altro è ormai la lingua degli affari.

Come mai allora tanto amore per l’italiano? Le ragioni sono ben profonde. La prima è legata alla cultura italiana. Il nostro Paese è famoso in tutto il mondo per la sua cultura e la sua arte. Chi vuole intraprendere un percorso di studi in questo ambito, dovrà sempre fare i conti con l’italiano. L’Italia, diciamolo con vanto, è una culla per la cultura e la storia; per i movimenti letterari e pittorici. Patria di Leonardo, Giotto, Michelangelo, Raffaello, del Brunelleschi …. Delle avanguardie artistiche e letterarie. E ancora, di Dante, Manzoni, Leopardi, ma anche di Montale, Ungaretti, D’Annunzio 

L'italiano
Particolare della Cappella Sistina

Non possiamo tralasciare la musica lirica: Rossellini, Verdi, Puccini. Più recentemente un tenore come Pavarotti. Fermiamoci qui per non peccare troppo di vanità. Non è un caso che grandi e meravigliosi scrittori abbiano soggiornato in Italia (Goethe, Stendhal, Hemingway…) e molti altri dopo splendidi viaggi nel nostro Paese abbiano scritto indimenticabili opere. Agli occhi del mondo ci presentiamo come superpotenza della bellezza e della cultura e questo, tra tanti problemi e cose che non vanno, ci gonfia ancora il petto d’orgoglio.


   
RispondiCitazione
Raffaella Natale
(@raffaellanatale)
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 92
Topic starter  

https://noi.italiani.it/un-sito-della-farnesina-per-promuove-lingua-e-cultura-italiana/

Alla domanda crescente di cultura italiana nel mondo, anche il Ministero degli Affari Esteri ha dato una risposta. Dopo il progetto lanciato dal Ministero della Cultura con ITsART dove saranno disponibili, on-demand, concerti, balletti e spettacoli italiani, adesso abbiamo anche Italiana, il portale della Farnesina dedicato alla promozione della lingua, della cultura e della creatività italiana nel mondo. Un grande contenitore digitale dedicato al nostro patrimonio culturale. Sulla stessa linea anche la piattaforma online ideata e realizzata in collaborazione con la Società Dante Alighieri, dedicata alla lingua e cultura italiane, presentata ieri a Roma alla presenza del Presidente Sergio Mattarella.

Davanti all’emergenza sanitaria, che ha messo in ginocchio anche questo settore, il Ministero ha teso la propria mano creando un grande contenitore digitale dove trovare musica, arte, letteratura, poesia, ma anche design e, perché no, tutta l’enogastronomia italiana. La cultura è stata raccolta sotto la bandiera tricolore. La Farnesina ha deciso di investire ancora di più per sostenere il comparto culturale e creativo italiano, colpito profondamente dalla pandemia da covid.

Il Ministero ha già finanziato l’internazionalizzazione degli artisti e delle industrie culturali e creative producendo e promuovendo oltre 400 opere e contenuti originali. Senza tralasciare che sono già state avviate molte iniziative a opera delle 128 Ambasciate, dagli 81 Consolati e dagli 82 Istituti Italiani di Cultura – che insieme rappresentano la “rete culturale diffusa” della Farnesina nel mondo.

“Italiana – si legge in una nota del Ministero – non è un punto di arrivo ma di partenza: è l’inizio di un percorso che vedrà la Farnesina e la sua rete estera accompagnare la cultura e la creatività italiane nei prossimi anni, proponendo al pubblico internazionale nuove modalità di fruizione”, in presenza e digitale. Il web permetterà così di accorciare le distanze, giungere a un nuovo pubblico e diffondere in maniera più forte e incisiva la cultura italiana nel mondo.


   
RispondiCitazione
Raffaella Natale
(@raffaellanatale)
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 92
Topic starter  

https://noi.italiani.it/draghi-in-libia-rilancia-lo-studio-dellitaliano/

La lingua italiana è amata e diffusa nel mondo. Il network italiani.it attraverso la propria Fondazione lavora per la sua promozione. Lo scorso anno sono state finanziate 16 Borse di Lingua Italiana e quest’anno stanno per concludersi le selezioni per 10 Borse offerte ai residenti in America Latina che vogliono studiare la nostra lingua. L’italiano va tutelato e promosso in tutto il mondo, a partire da quei territori dove la nostra lingua è ancora ufficiale. Parliamo di quei Paesi dove per ragioni politiche e sociali l’italiano è stato parlato e continua a esserlo da una buona parte della popolazione. Il governo è impegnato in questa direzione come dimostra la recente visita in Libia del premier Mario Draghi e del Ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio.

italiano
Mario Draghi con il Primo Ministro libico Abdelhamid Dabaiba – Licenza CC-BY-NC-SA

Durante la conferenza stampa a Tripoil con il Primo Ministro libico Abdelhamid Dabaiba, Draghi ha sottolineato la volontà del governo di rafforzare la collaborazione anche culturale tra i due Stati. “In campo culturale – ha detto il premier – l’Italia darà nuovo impulso all’Istituto di cultura italiana all’estero e aumenterà le Borse di studio per gli studenti libici che studiano italiano”. Un serio e fondato impegno a promuovere la nostra lingua all’estero specie in un Paese come la Libia dove l’italiano è stato in passato lingua ufficiale. La volontà, ha sottolineato Draghi, è di “riportare l’interscambio culturale ed economico libico ai livelli” di una decina d’anni fa.

Anzi, per il Presidente del Consiglio c’è il forte desiderio di “superare quel livello” per far sì che questa partnership “diventi una guida per il futuro” nel pieno rispetto della sovranità della Libia. I due Paesi intendono rilanciare la loro collaborazione in campo sanitario, energetico e anche culturale. In questo senso, Draghi ha fatto riferimento all’Istituto italiano di cultura di Tripoli impegnato anche nell’organizzazione di corsi di Lingua italiana che ora potrebbe conoscere nuovo slancio e forza vitale.

Come si legge, infatti, sul sito della Farnesina: “La promozione della lingua italiana all’estero è uno dei principali strumenti di cui dispone il nostro Paese e riveste un ruolo di interesse prioritario per la politica estera italiana”. “La conoscenza della lingua italiana rappresenta infatti la chiave di lettura necessaria per entrare in contatto con la nostra cultura in senso ampio e per meglio comprendere le dinamiche del “Vivere all’italiana”.

Noi della community itNoi.it non possiamo che essere felici che il Premier nel suo primo viaggio di Stato citi proprio la cultura italiana e la nostra lingua per promuoverla nel mondo.


   
RispondiCitazione
Daniela Zumpano
(@danielazumpano)
Active Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 19
 

Andiamo avanti con l'italiano! 😀 


   
RispondiCitazione
Condividi: