Shopping cart

close

Nessun prodotto nel carrello.

notification icon
itNoi applicazione
Tutto il meglio di Noi italiani.it sul tuo telefono
Installa

Forum

[DI TUTTO UN PO'] C...
 
Condividi:
Notifiche
Cancella tutti

[DI TUTTO UN PO'] Come proteggersi dalle zanzare: alcuni consigli utili


Domenico Tropeano
(@domenicot)
Membro Admin
Registrato: 1 anno fa
Post: 480
Topic starter  

https://www.italiani.it/come-proteggersi-dalle-zanzare-alcuni-consigli-utili/

Le punture di zanzara sono uno dei maggiori disagi che caratterizzano il periodo estivo; la maggior parte di questi insetti sono sostanzialmente innocui, fatta eccezione per esemplari potenzialmente rischiosi per la salute dell’uomo (come, ad esempio, la zanzara tigre). 

Nel momento in cui si viene punti da una zanzara, l’organismo attiva immediatamente le proprie difese immunitarie, mediante il rilascio dell’istamina da parte dei mastociti. Questa sostanza si concentra nella zona della puntura, provocando la dilatazione dei vasi sanguigni presenti; la reazione difensiva si manifesta localmente sotto forma di arrossamento e gonfiore della zona in cui l’insetto ha affondato la propria proboscide nella pelle.

Da una puntura di zanzara possono scaturire anche reazioni allergiche avverse; benché si tratta di un’eventualità piuttosto rara, è bene comunque non sottovalutare tale possibilità, soprattutto per quanto riguarda i bambini. Tali reazioni possono manifestarsi tramite lesioni cutanee (pomfi) estese e urticanti mentre il caso più grave è rappresentato da un possibile shock anafilattico.

Falsi rimedi contro le punture di zanzara

I rimedi, di origine naturali e non, proposti per tenere lontane le zanzare ed evitare di essere punti sono molteplici; molti però sono basati su principi sostanzialmente errati. Non è vero, ad esempio, che le zanzare siano attratte dalla luce così come alcune erbe aromatiche (basilico, timo, menta, rosmarino, limone e chiodi di garofano) avrebbero su di esse un particolare potere repellente. 

Le zanzare, infatti, sono attratte dalla concentrazione di colesterolo presente nel flusso sanguigno e da alcune sostanze che si trovano nel sudore. Di conseguenza, per evitare di subire le punture di questi insetti, è consigliabile mettere in pratica una serie di accorgimenti mirati.

Consigli utili per evitare di essere punti

Vediamo ora cosa fare per tenere lontane le zanzare e diminuire le possibilità di essere punti. Le principali contromisure da mettere in atto sono:

  • installare le zanzariere alle finestre (se gli infissi ne sono sprovvisti);
  • evitare i ristagni d’acqua; le zanzare tendono a depositare le proprie uova nei punti in cui l’acqua ristagna. Bisogna quindi fare molta attenzione al drenaggio dei sottovasi e tenere sempre vuoti e asciutti innaffiatoi e altri recipienti;
  • usare specifici repellenti antizanzare, sia sulla pelle che sugli indumenti. Prodotti di questo genere possono essere agevolmente acquistati anche tramite farmacie online come Antica Farmacia Orlandi;
  • tenere lontani cibi e bevande particolarmente dolci;
  • qualora presenti nelle adiacenze della casa, rimuovere nidi di vespe, api e calabroni; questo genere di operazioni va affidata a personale tecnico specializzato;
  • utilizzare candele alla citronella; il consiglio è quello di posizionarle sui davanzali delle finestre oppure lungo il perimetro di balconi e verande;
  • curare l’igiene personale; se necessario, fare la doccia anche più di una volta al giorno;
  • ridurre il consumo di bevande dolci e alcoliche e di cibi piccanti; di contro, è preferibile aumentare il consumo di frutta e verdure, per accrescere l’apporto di vitamine.

Come scegliere i repellenti antizanzare

In commercio vi è ampia varietà di prodotti, soprattutto in formato spray, ad azione repellente antizanzare. Per individuare i migliori e più efficaci, però, è buona norma prestare attenzione ad alcuni aspetti; nello specifico, andrebbero preferiti i prodotti registrati come Presidi Medico Chirurgici (PMC) e quelli che contengono uno dei principi attivi di comprovata efficacia ossia dietiltoluamide (DEET), Icaridina (KBR 3023), etil butilacetilaminopropionato (IR3535) o Paramatandiolo (PMD o Citrodiol).

Nel caso in cui si voglia optare per formulazioni naturali, queste devono parimenti essere registrate come PMC o ‘biocida’; i prodotti che garantiscono un’efficace azione repellente sono quelli a base di geraniolo ed eucalipto. Altri, contenenti citronella, chiodi di garofano ed altri elementi di origine naturale, per quanto diffusi non garantiscono la stessa efficacia che, a sua volta, dipende anche dalla concentrazione di principio attivo al loro interno.


   
Citazione
Condividi: